Narrativa e letteratura araba contemporanea

Sito personale di Federica Pistono

Autori arabi contemporanei

Rosa Yassin Hassan è nata a Damasco nel 1974. Dopo la laurea in Architettura nel 1998, ha lavorato come giornalista, scrivendo per testate siriane e arabe. Il suo primo libro è una raccolta di racconti pubblicata nel 2000, dal titolo Un cielo tinto di luce.

Autrice Saudita, Badriyya al- Bashar è nata a Riyadh. Con un Master in Sociologia presso la King Saud University e un dottorato di ricerca conseguito all'Università Amaricana di Beirut, è attualmente docente presso la King Saud University presso il dipartimento di Studi sociali

Muhammad al-Busati nasce nel 1938 a Gamalia, nella regione del Delta del Nilo. Nel 1960 si laurea al Cairo in Economia e commercio e, successivamente, viene assunto come funzionario nell’amministrazione statale. Negli anni ’60 comincia la sua attività di scrittore, pubblicando raccolte di racconti brevi in riviste come al-Masa', al-Katib, al- Majalla. In questi anni, al-Busati partecipa al movimento letterario egiziano che fa capo alla rivista letteraria Gallery 68, punto di incontro di una generazione di scrittori e intellettuali egiziani che, dopo aver condiviso l’entusiasmo, negli anni ‘50, per la Rivoluzione degli Ufficiali Liberi, sono ora accomunati dalla volontà di un rinnovamento sociale e da una critica severa alle limitazioni delle libertà civili imposte dal regime nasseriano. Nel 1976 scrive il primo di molti romanzi.

Ali al-Muqri è nato a Taizz, Yemen del Nord, nel 1963. Scrittore fin dagli anni '80, dopo l'unificazione nazionale ha lavorato come giornalista indipendente ed editore di pubblicazioni progressiste. Dal 1997 è stato editore di "al-Hikma", organo dell'Associazione degli Scrittori yemeniti.Dal 2007 è direttore della rivista letteraria "Ghaiman".

Salwa al-Neimi è nata a Damasco nel 1950. Dopo aver conseguito la laurea in Letteratura araba presso l’Università di Damasco, si è trasferita a Parigi, a metà degli anni Settanta, per studiare teatro. Oggi, oltre a dedicarsi all’attività di scrittrice, lavora come giornalista e responsabile ufficio stampa. Ha pubblicato alcuni romanzi, una raccolta di racconti e vari volumi di poesia.

Muhsin al-Ramli è nato in Iraq nel 1967. Poeta, romanziere, giornalista e traduttore, si è laureato in Filologia spagnola all’Università di Baghdad e ha conseguito il Dottorato in Filosofia e Filologia spagnola presso l’Università Autonoma di Madrid.

Nawal al-Sa‘dawi nasce nel 1931 a Rafi Tahla, un piccolo villaggio nilotico. Suo padre è un funzionario del Ministero dell’Educazione che ha preso parte alle lotte contro gli Inglesi nella rivoluzione del 1919: moderatamente progressista, educa la figlia al rispetto di se stessa e alla libertà di espressione. Laureatasi in Medicina all’Università Statale del Cairo nel 1955, diviene in seguito Direttore della Sanità pubblica. Da questo incarico viene allontanata

Nata a Sharqiya, nella regione del Delta del Nilo, da una famiglia d origini beduine, si è laureata in Lingua e Letteratura araba presso l’Università di Zagazig.

Fadi Azzam è nato a Teraa, vicino alla città di Suweida, nel sud della Siria, nel 1973. Laureatosi presso la Facoltà di Arte dell'Università di Damasco, ha cominciato a lavorare come giornalista per diverse testate siriane. E' stato corrispondente e curatore della pagina culturale di al-Quds al-Arabi dal 2007 al 2009.

Nata nel 1977, la blogger egiziana Rehab Bassam si è fatta apprezzare dal pubblico egiziano quando, nel 2008, la nota casa editrice cairota Dal al-Shorouq ha pubblicato il suo blog "Hawadit", traendone un libro che ha riscosso un enorme successo in Egitto e in molti paesi arabi

Hassan Blasim è nato a Baghdad nel 1973. E’ poeta, regista, blogger e autore di racconti brevi. Nel 1998 ha lasciato Baghdad per continuare a dedicarsi alla sua attività di regista sotto lo pseudonimo di Sulaymanya, nel Kurdistan iracheno. Nel 2004, in seguito a problemi scaturiti dalla realizzazione del film Wounded Camera, ha dovuto lasciare l’Iraq e rifugiarsi in Finlandia, dove vive tuttora.

Bilal Fadl è nato al Cairo nel 1974. Laureato a pieni voti all'Università del Cairo, Facoltà di Giornalismo, ha esordito nella stampa egiziana collaborando con la rivista Rose al-Yussef e con la testata al-Dustur fino alla chiusura di quest'ultima, nel 1998, per volontà del regime di Mubarak. Ha poi lavorato per diversi giornali e riviste avviando contemporaneamente l'attività di sceneggiatore per il cinema e per la televisione.

Rabi'a Jaber nasce a Baaqlin in Libano nel 1972, dove frequenta le scuole primarie. Compie studi di Fisica all'Università Americana di Beirut. Oggi, è redattore del supplemento culturale settimanale del quotidiano al-Hayat. E' un autore importante perché fa parte di quel gruppo di scrittori libanesi, a cui appartengono tra gli altri Elias Khury, Hoda e Najwa Barakat, che si sono distinti dopo la guerra civile e i cui romanzi sono profondamente influenzati dll'esperienza del conflitto.

Sausan Jamil Hassan è nata a Damasco nel 1957. Dopo la laurea in Medicina, ha lavorato e lavora tuttora come medico a Lattakia, sulla costa siriana, dove è ambientato il suo ultimo romanzo.

Inaam Kachachi è nata a Baghdad nel 1952. Dopo la laurea in Giornalismo, ha iniziato a lavorare in Iraq per la stampa e la radio. Corrispondente a Parigi per diverse testate arabe, ha conseguito un dottorato in Storia del Giornalismo alla Sorbona. Nel 1988 ha pubblicato il libro Lorna, i suoi anni con Hawad Selim, tradotto in inglese e in francese. Nel 2003 ha pubblicato Parole di donne irachene, un'antologia di brani di poesia e di prosa di tredici scrittrici irachene, ciascuna di appartenenza culturale diversa. L'opera, oltre che in italiano, è stata tradotta anche in francese e in inglese. Nel 2004 la Kachachi ha realizzato un documentario su Naziha al-Dulaimi, la dottoressa irachena che, nel 1959, è stata la prima donna ministro in un Paese arabo.

Ghassan Kanafani, intellettuale, scrittore e giornalista palestinese, ha vissuto una vicenda umana paradigmatica di quella del suo popolo. Nato ad Acri nel 1936 da una famiglia della borghesia araba, nel 1948, alla proclamazione dello Stato di Israele, subì le stesse vicissitudini di migliaia di connazionali.

Mustafa Khalifa è nato nel 1948 a Jarablous (Siria), nel Governatorato di Aleppo. Ha terminato i suoi studi alla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Damasco.

'Abd al-Rahman MUNIF (Amman 1933-Damasco 2004)Considerato tra i maggiori narratori arabi del nostro tempo, è nato in Giordania da padre saudita e madre irachena. Nota costante della sua vita è stata l'esilio, in Iraq,ex Jugoslavia, Libano, Siria. Dopo un dottorato in Economia nella ex Jugoslavia, è divenuto un esperto di problematiche legate allo sviluppo e alle questioni economico-sociali.

Habib Selmi è nato nel 1951 a Alaa, in Tunisia. Ha pubblicato otto romanzi e due raccolte di racconti. Dal 1985 vive a Parigi, dove insegna la lingua araba

Nihad Sirees è nato ad Aleppo nel 1950. E’ autore di sette romanzi e di diverse sceneggiature, per una delle quali ha subito la censura siriana nel 1998.

Bahaa Taher nasce a Giza,nel 1936, da una famiglia originaria di Karnak, nell'Alto Egitto. Al Cairo, negli anni degli studi liceali e universitari, Taher vive, come i giovani della sua generazione, la lotta contro il colonialismo inglese e la monarchia egiziana. Dopo la laurea in Storia nel '57, inizia a lavorare come traduttore al Ministero dell'Informazione. Nel '59 e' assunto da Radio Cairo, per diventare poi vicedirettore del canale dedicato alla cultura. Dal 1964 comincia a scrivere i suoi racconti e, alla fine degli anni '60, collabora alla rivista letteraria "Galleria 68"

Zakariyya Tamer nasce a Damasco, in Siria, nel 1931 da famiglia povera. All'età di tredici anni è costretto ad abbandonare gli studi per lavorare. Dal 1957 inizia a scrivere per diversi giornali siriani. Nel 1960 pubblica a Beirut la sua prima silloge, cui seguiranno molte raccolte di racconti brevi fino all'ultima, Il Porcospino, del 2005.